it Italiano
Accedi >
Supporto >
Download >
Studi e ricerche

Quando la minaccia ai dati arriva dall’interno

del 23/12/2016 di Boole Server

Un dipendente su 50 è un potenziale elemento dannoso per la sicurezza dei dati aziendali: più di un terzo (36%) delle aziende intervistate in una recente indagine di Imperva ha affermato di aver subito incidenti di sicurezza causati dal personale nel corso dell’ultimo anno. Dato che sale al 69% secondo un rapporto di Accenture e HfS e che è supportato anche dal recente arresto di un impiegato della National Security Agency americana proprio per pirateria informatica (fonte: New York Times). Come giustamente sottolinea l’articolo di Tech Economy “non si tratta più del se, ma solo del quando” potrà verificarsi un vero attacco alla sicurezza dall’interno. Perché la minaccia insider non consiste di soli utenti malintenzionati, ma include anche gli utenti disattenti o compromessi. Gli atti più frequenti sono stati infatti il condividere documenti riservati con destinatari errati, dimenticare di fare il logout prima di spegnere il proprio PC, navigare su siti web non sicuri che propagano malware nella rete aziendale.

TAG: Protezione dati sensibili, Minacce interne
Quando la minaccia ai dati arriva dall’interno
RICHIEDI INFO ISCRIVITI