Download >
Supporto >
Accedi >
Italiano
Studi e ricerche

Wannacry – 5 cose da sapere sull’attacco informatico

del 15/05/2017 di

Ribattezzato Wannacry, il ransomware (malware che infetta i dispositivi, richiedendo un riscatto) ha messo a dura prova privati e aziende di tutto il mondo.
Sono sempre più frequenti gli attacchi informatici di questo tipo, che richiedono un riscatto per sbloccare i file tenuti sotto scacco. Ma quali sono le caratteristiche di questo attacco hacker? E soprattutto come proteggersi, anticipando gravi situazioni di perdita di dati?

Valerio Pastore, presidente di BooleBox, è intervenuto a Sky TG24 (guarda il video ) e al TGCOM24 (guarda il video) spiegando come proteggersi in modo efficace:
  1. Attacco informatico senza precedenti
    Wannacry ha infettato 200 mila computer in 150 paesi nel mondo. Sono questi i dati in sintesi di quello che l’EuroPol ha definito come un’attacco senza precedenti.
    Non pagare il riscatto! Entrare nella "lista dei pagatori" degli hacker è un danno,  e anche cedendo al ricatto non si avranno mai indietro i file in ostaggio.
  2. La situazione è ancora critica
    L’errore più grave da fare ora è abbassare la guardia. Wannacry non è stato sconfitto definitivamente, nuove versioni del ransomware stanno per attaccare i dispositivi di tutto il mondo. E in futuro gli attacchi di questo tipo saranno sempre più numerosi. 
  3. Aggiornare il sistema operativo dei dispositivi
    Il primo passo per iniziare a difendersi dagli attacchi hacker è aggiornare la versione del sistema operativo. Wannacry ha trovato terreno fertile proprio nelle falle dei sistemi informatici non aggiornati, in particolare Windows XP.
    Attenzione: non sono stati solo utenti privati a manifestare questa leggerezza, anche aziende importanti sono state colte impreparate.
  4. Proteggere i file - Non tenere i file su disco locale e chiavette USB
    Wannacry sottrae i file dei computer e ne chiede il riscatto. Questo motivo dovrebbe essere sufficiente per capire che i file importanti non devono risiedere sul disco locale o su chiavette USB. La soluzione è posizionare i file in una cassaforte sicura, virtuale.
  5. Crittografare i file - Anticipare l’attacco con le sue stesse armi
    Per battere gli hacker bisogna anticiparli, utilizzando le loro stesse armi. Infatti crittografare i file prima che lo facciano i virus è la modalità più sicura per conservarli.
    Cifrare i dati significa non renderli disponibili a nessuno, tranne chi è in possesso della chiave di accesso.

Wannacry e attacchi di questo tipo insegnano che gli hacker entrano nei nostri computer. Impedirglielo è difficile. È necessario quindi nascondere i file. Con soluzioni come BooleBox.


TAG: Protezione dati sensibili, Attacchi hacker
Wannacry – 5 cose da sapere sull’attacco informatico
RICHIEDI INFORMAZIONI RICHIEDI
INFORMAZIONI
Prova gratuita 30 giorni